C’è un motivo per il quale Dio ti avvicina a certe persone e poi le lascia andare

Sono in molto quelli che dicono di provare dei sentimenti nei confronti di qualcuno e non saperli spiegare.

Perché sentono un maggior trasposto rispetto ad altri, perché sentono improvvisamente una forte connessione con un estraneo.

Accade improvvisamente. Conosciamo qualcuno ed abbiamo la sensazione di conoscerlo da sempre.
Ci sentiamo a nostro agio in sua compagnia, ci sentiamo protetti.

Razionalmente ci chiediamo come questo sia possibile.

Non avvertire sfiducia, dubbi, timori, ma solo un senso di grande serenità al loro fianco, una forza nuova, una nuova energia.

Riusciamo ad aprirgli il nostro cuore, a parlare dei nostri affanni, a confidare cose talmente intime che tenevano chiuse anche a noi stessi.

Riusciamo ad essere straordinariamente sinceri, onesti.

Riusciamo ad essere perfettamente noi stessi.

Credo che Dio ci avvicini ad alcune persone perché abbiamo bisogno di loro nella nostra vita e in quel momento.

Sono le persone che ci daranno lezioni importanti sul vivere e ci insegneranno molto su noi stessi.

C’è una ragione per cui Dio muove il nostro cuore verso una persona specifica e una ragione per cui ci affezioniamo ad alcuni maggiormente rispetto ad altri.

Guardando indietro possiamo vedere che non c’è una sola persona, alla quale ci siamo affezionati, che non abbia avuto qualcosa di prezioso da insegnarci o un ruolo importante nella nostra vita.

E l’ironia della sorte ha voluto che queste persone fossero solo temporanee.

Il loro compito era semplicemente quello di mostrarci qualcosa in modo diverso e quindi liberarci.

A volte il palcoscenico della nostra vita determina l’attrazione verso alcuni piuttosto che verso altri.

La bellezza della fede in Dio è sapere che Egli ci manderà le persone giuste nel momento giusto.

Riceveremo le risposte che stiamo cercando, attraverso queste persone. Ci aiuteranno a fare chiarezza, ad illuminarci tirando fuori il meglio di noi stessi.

Dio ci aiuta, quando stiamo lottando, inviandoci coloro che sono in grado di portarci via dall’oscurità.

Spesso capita che vorremmo tenere queste persone con noi per sempre.

Trattenerle oltre la loro presenza temporanea.

Ma questo non è il loro ruolo.

Non sono destinate a rimanere nella nostra vita per sempre.

Dio le ha chiamate per essere lì con noi solo per un breve periodo.

Le ha chiamate per restare nelle nostre vite il tempo necessario a migliorarci.

Renderci migliori per coloro destinati a rimanere al nostro fianco per sempre.