I bambini a scuola si ammalano sempre, ecco come dire basta a raffreddori e malanni

Il sistema immunitario è il nostro “difensore”, che ci protegge dall’attacco di agenti esterni potenzialmente dannosi, da traumi o sostanze chimiche provenienti dall’ambiente esterno.

Il sistema immunitario deve essere in grado di riconoscere tutto ciò che è proprio dell’organismo (“self”) da ciò che invece non fa parte dell’organismo (“non self”).

Il sistema immunitario è una rete molto complessa che comprende barriere fisiche, cellule con vari ruoli e deputate alle varie funzioni, sostanza che queste cellule sono in grado di produrre, come ad esempio gli anticorpi e tanto altro ancora.

Per assolvere al suo compito generale di difesa, il sistema immunitario va preservato e, perché no, rinforzato.

Aumentare le difese immunitarie nei bambini è possibile e risulta molto utile soprattutto nel periodo invernale, in cui al freddo si aggiungono i malanni di altri bambini, soprattutto i compagni di scuola, che possono contagiare il nostro bambino.

Come aumentare le difese immunitarie nei bambini

Sin dalla nascita, la natura ha voluto che per aumentare le difese immunitarie nei bambini occorresse solo la mamma e il suo latte: attraverso il latte materno il bambino riceve gli anticorpi necessari a supportare il suo sistema immunitario ancora immaturo e quindi debole.

È risaputo che i bambini allattati al seno sono meno soggetti a infezioni, allergie e malattie in generale. Il latte materno contiene anche degli oligosaccaridi prebiotici che vanno a rinforzare la flora intestinale e quindi ad aumentare le difese immunitarie nei bambini.

Per aumentare le difese immunitarie nei bambini la natura come sempre ci viene incontro. Con il cibo!

Vediamo gli alimenti fondamentali da dare ai nostri bambini per rendere più forte il sistema immunitario:

Frutta e verdura, le famose 5 porzioni al giorno sono consigliate anche per aumentare le difese immunitarie. In particolare, sono consigliati tutti gli agrumi, ricchi di vitamina C come arance, mandarini, clementine, pompelmo, limone, anche sotto forma di spremuta, danno un notevole apporto.

Dopo l’anno di età tutti i bambini possono mangiare gli agrumi per diventare più forti. Prima dell’anno di età gli acidi in essi contenuti potrebbero creare disturbi allo stomaco o diarrea.

Anche la vitamina A contribuisce all’aumento delle difese immunitarie nei bambini, pertanto consumare frutta e verdura ricchi in betacarotene (il precursore della vitamina A). È facile riconoscerli perché sono quelli di colore giallo-arancio, quindi carote, zucca, peperoni, pompelmo rosa. Pesce, uova, latte e formaggi forniscono anche un buon apporto di vitamina A.

Yogurt, grazie al loro contenuto di probiotici. Attenzione alla data di scadenza: uno yogurt che vanta la presenza di fermenti lattici che aiutano quindi a rinforzare il sistema immunitario perché rafforzano la flora batterica man mano che si avvicina la data di scadenza risulta contenere fermenti lattici non più vivi, quindi inutili.

Per aumentare le difese immunitarie nei bambini che frequentano l’asilo, la scuola materna e anche nei primi anni di scuola elementare, è utile assumere dei probiotici. La loro assunzione regolare permette di ridurre la frequenza di raffreddori, febbre e influenza.

Funghi, pare che il loro consumo aumenti del 50 % le funzioni del sistema immunitario, aumentando la produzione di alcuni anticorpi essenziali a difendere pelle e mucose che sono le vie d’ingresso dei patogeni. Nei bambini i funghi non devono essere introdotti prematuramente, ma dopo i 2-3 anni piccoli assaggi danno i giusti benefici senza causare problemi. Ovviamente, parliamo di funghi sicuri e non di funghi raccolti da noi per strada (a meno che non siamo esperti in materia!).

Propoli, sostanza naturale che risulta utilissima ai primi cenni di infezione soprattutto a livello della gola. Più che aumentare le difese immunitarie, la propoli previene un peggioramento della situazione evitando la sua evoluzione.

PER AUMENTARE LE DIFESE IMMUNITARIE NEI BAMBINI, O MEGLIO PER NON INDEBOLIRLE, OCCORRE LIMITARE L’UTILIZZO DEGLI ANTIBIOTICI.

Un uso smodato di antibiotici intacca la flora batterica intestinale, che per noi rappresenta una importante fetta del sistema immunitario.

Gli antibiotici è giusto prenderli in situazioni che davvero li richiedono e soprattutto è fondamentale eseguire il ciclo completo della cura in modo da non sviluppare una resistenza nei confronti di un dato microrganismo patogeno.

Infine, un parere da mamma più che da nutrizionista: per aumentare le difese immunitarie del bambino occorre che il bambino “viva”, non rimanga tra le mura domestiche tutto il giorno, prenda aria e anche freddo, stia a contatto con gli altri bambini, si butti per terra e si sporchi le mani. Anche così “si fa gli anticorpi”.