Sdraiarsi con i propri bambini fino a quando non si addormentano, non è una cattiva abitudine

Molte persone rimproverano i genitori che si sdraiano accanto ai loro figli fino a quando non si addormentano.

Considerano questa abitudine dannosa, perché è necessario insegnare loro ad essere indipendenti.

Una madre che la pensa in modo diverso, ha deciso di condividere la sua esperienza e la sua opinione personale sulla questione.

Ecco la sua testimonianza, che fa riflettere:

“Al piano di sotto, un’esplosione di stoviglie, vestiti e giocattoli che aspettano di essere sistemati. Ma i bambini mi chiedono una storia, un bicchiere d’acqua, un abbraccio… tutto ciò che può trattenermi da loro per un altro minuto.

Quello che vorrei io invece, è sistemare tutto prima di dichiarare chiusa questa giornata e non avere più abbastanza energia per lavare i piatti.

“Mamma, vuoi stenderti qui con me?” Chiede mia figlia. E sospiro perché non è davvero pianificato. Ma non voglio neanche lavare i piatti. Scivolo sotto il suo piumone rosa, nella calma della sua stanza e lei mi stringe il viso. Odora di sapone e latte caldo e sussurra: “Parliamo della nostra giornata”.

È un rituale che facciamo poco prima di andare a letto. Riflettiamo sul giorno trascorso: cosa è stato divertente, cosa è stato difficile, cosa ci ha reso felici, cosa ci ha rattristato.

È qui nel suo letto che imparo di più su di lei e che lei impara di più su di me. E a volte, è il primo abbraccio prolungato che riusciamo a concederci.

E così chiude gli occhi, tira la mia mano verso di lei, confortata dal sapere che sono proprio lì accanto.

Non ho mai voluto essere una mamma chioccia. Anzi. La mia idea era che i bambini dovessero dormire da soli, a luce spenta.

Questo non solo perché noi genitori abbiamo ancora vita da vivere dopo che i nostri figli sono andati a letti, ma per la loro tranquillità.

Le mie convinzioni sono cambiate negli ultimi cinque anni, da quando sono diventata madre.
Mia figlia maggiore aveva bisogno di essere vicino a noi per dormire. La sistemavamo nel nostro letto, le cantavamo la ninna nanna.

Anche ora, ha sempre bisogno di vederci un po’ in camera sua prima di addormentarsi.

È un’abitudine così terribile? Forse.

Ma alla fine della giornata, è davvero così importante?

La verità è che imparerà ad addormentarsi da sola presto. Non la manderemo al college con un nostro clone per farla addormentare nel suo dormitorio. Presto ci saranno porte chiuse e indipendenza e avremo nostalgia di quei giorni in cui aveva bisogno di sentire la nostra mano sulla sua schiena per addormentarsi sicura.

L’abitudine di restare con i bambini prima che si addormentino, preparare i loro pasti preferiti, fa parte dell’ attaccamento ai miei figli, corrisponde ai miei valori di mamma.

Secondo Susan Krauss Whitbourne, professoressa di scienze psicologiche e del cervello presso l’Università del Massachusetts ad Amherst, ci sono prove che la genitorialità dell’attaccamento consente ai bambini di avere successo quando diventano adulti.

“Sappiamo da ricerche approfondite che gli adulti che hanno sviluppato un forte attaccamento per i genitori, hanno vite più felici e meno conflittuali. C’è anche una ricerca per suggerire che potrebbero essere genitori migliori in futuro. ”

L’indagine è stata condotta nel 2010 da Patrice Marie Miller e Michael Lamport Commons, presso la Harvard Medical School.

“I benefici includono una minore esposizione allo stress, che influenza lo sviluppo del cervello e le successive reazioni allo stress. Questo ha dimostrato di ridurre i problemi di salute mentale in uno sviluppo successivo.

Un altro importante beneficio psicologico è l’attaccamento sicuro, che è la tendenza del bambino a cercare il contatto con un genitore quando è in pericolo e per essere efficacemente consolato da quel contatto.

Il risultato di una regolazione emotiva più efficace e dell’attaccamento sicuro, è che i bambini si impegnano più efficacemente nei compiti di sviluppo essenziali, comprese le relazioni tra pari e nella scuola.” – Afferma la dottoressa.

Naturalmente, non tutti i bambini hanno bisogno dei loro genitori per regolare lo stress e l’ansia . La mia bambina più piccola di solito si addormenta da sola, ma i suoi bisogni sono sempre stati diversi da quelli di sua sorella.

Non so cosa succeda nella mente di mia figlia maggiore quando va a letto la sera, in attesa che arrivi il sonno. Non conosco le sue preoccupazioni e le sue tensioni e non capisco come la mia presenza possa aiutarla a dissipare le sue paure.

Tutto quello che so, è che finché avrà bisogno di me al suo fianco, io sarò lì per lei. Le darò le mie braccia quando avrà bisogno di sentirsi vicino a me e me ne andrò quando avrà bisogno di sentirsi indipendente.

Cercherò sempre di essere una madre ricettiva e sensibile. E ora, questo significa dormire con lei sotto il piumone rosa, nella quiete della sua stanza. ”

E voi cosa ne pensate?

Lasciateci la vostra esperienza e condividete per conoscere il parere dei vostri amici!